29 luglio – 5 agosto 2018 – 17^ e 18^ domenica ordinaria

Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede…

panepesci

 

La liberazione dalla carestia, dall’indigenza e dalla fame si rivela nel pane di uno condiviso tra tutti (1a lettura e vangelo). La Parola di Dio diviene salvezza per tutti quando e perché ottiene la condivisione dei beni. Gesù è “pane di vita” dell’uomo perché stimola a quella solidarietà – unità (2a lettura) che sola può salvare. Questo il messaggio, e il miracolo, che oggi la liturgia della parola ci propone.

Moltissima gente segue Gesù, colpita dai segni che egli compie sugli infermi. Ma si tratta di una sequela interessata all’immediato. Gesù rivolge a Filippo una domanda, che ricorda l’eterna fame dell’uomo e suggerisce di saziarla. Filippo risponde in termini prettamente umani di soldi. Analoga impossibilità di soluzione è la proposta di Andrea, che con il buon senso fa presente il poco pane e pesce di un ragazzino. Nel contempo, però, Andrea comincia a prospettare una logica di condivisione, che la potenza di Gesù trasformerà in cibo sovrabbondante. Il ragazzo diventa il simbolo di ogni cristiano, anche il più semplice, chiamato a condividere.

E perché condividere? “Qualcuno mi ha detto che non si azzarderebbe a toccare un lebbroso neppure per un milione di dollari. Neppure io lo farei; neppure non per uno ma neanche per due milioni di dollari. Invece lo faccio gratuitamente, per amore di Dio” (santa Madre Teresa di Calcutta). Ed è bello farlo nel rendimento di grazie perché quello che sono e quello che possiedo se lo tengo per me non serve a nessuno; se lo metto in circolo giova a me e agli altri.

Il Signore chiede anche a noi oggi i cinque pani e i due pesci. Impariamo a darli con gioia per la vita dell’intera umanità.


VITA DI COMUNITA’

mani

 

Domenica 29 luglio – 17^ del tempo ordinario

Martedì 31 luglio

santa Lucia, ore 17.00: Adorazione Eucaristica per le parrocchie dell’Unità Pastorale; segue alle ore 17.30 il Rosario e la S. Messa alle ore 18.00. Questa è l’unica celebrata il martedì sera nel territorio dell’Unità Pastorale.

Domenica 5 agosto – 18^ del tempo ordinario

Martedì 7 agosto

santa Lucia, ore 17.00: Adorazione Eucaristica per le parrocchie dell’Unità Pastorale; segue alle ore 17.30 il Rosario e la S. Messa alle ore 18.00. Questa è l’unica celebrata il martedì sera nel territorio dell’Unità Pastorale.

Domenica 12 agosto – 19^ del tempo ordinario

 


 

CANTIERI APERTI/2

 Nelle scorse settimane è stato ricollocato, sopra la porta della Sacrestia dei Canonici in Cattedrale, il dipinto ad olio su tela raffigurante la Visitazione, opera di J. Raoux (1677- 1734). Il restauro è stato realizzato grazie ai contributi di FIDAPA Padova e della sua Presidente per il biennio 2015-2017, Luisa Rudian Venuti.

Sono stati stanziati dal Ministero dei Beni Culturali per lavori di messa in sicurezza antisismica i seguenti contributi: per la Cattedrale 1.036.000 euro; per la chiesa di S. Pietro 600.000 euro; per il Battistero 100.000 euro.

Dopo l’estate dovrebbero avere inizio i lavori di restauro degli affreschi delle pareti del Battistero, ugualmente finanziati e appaltati dal Ministero dei Beni Culturali, con l’impegno a garantirne la funzionalità per le celebrazioni liturgiche e la fruizione ai visitatori.

Nella chiesa di San Benedetto stanno continuando anche in questi giorni i lavori di restauro dell’organo. Dopo aver provveduto al restauro e all’ampliamento dello strumento, si sta già procedendo con la ricollocazione delle canne in facciata. La conclusione dei lavori è prevista per il prossimo mese di febbraio. L’opera è stata resa possibile grazie alla considerevole donazione fatta, per questo scopo, da un parrocchiano che ha voluto rimanere anonimo; per l’ultimazione dei lavori e la possibilità di poter ulteriormente ampliare lo strumento, facciamo appello alla generosità di altri.

Sempre nella chiesa di San Benedetto negli ultimi mesi sono state riconsegnate e ricollocate due statue in facciata rappresentanti Fede e Speranza custodite per decenni presso il Museo degli Eremitani; entrambe le statue avrebbero però bisogno di essere restaurate. In chiesa è anche rientrata, dopo il restauro, una tela a forma di lunetta raffigurante San Leonardo che libera gli schiavi, appartenente alla non più esistente chiesa parrocchiale di San Leonardo, situata un tempo nei pressi dell’omonimo ponte.

Nella parrocchia dei Servi si sta procedendo in questi giorni all’inoltro delle pratiche autorizzative per poter procedere con il restauro dei portoni d’ingresso della chiesa e delle relative bussole interne. Il lavoro procederà per stralci, compatibilmente con le possibilità economiche della parrocchia.


PELLEGRINAGGIO A CASCIA

 Presso la chiesa di S. Canziano si sta organizzando il tradizionale pellegrinaggio nei luoghi di S. Rita (Cascia e Roccaporena) nei giorni di domenica 23 e lunedì 24 settembre, accompagnati da mons. Carlo Tosetto e da don Sergio Zorzi. La quota indicativa è di € 150,00. Per informazioni ed iscrizioni (entro il 6 agosto) con anticipo caparra di € 50,00 rivolgersi a Dario (in sacrestia, al mattino – cell. 338.4235699) oppure contattare Rosa (cell. 329.2193440).


sinodoDOPO IL SINODO DEI GIOVANI

 

Il Sinodo dei Giovani della Chiesa di Padova si è concluso sabato 19 maggio. I giovani hanno letto e distribuito un testo – la “Lettera dei giovani alla Chiesa di Padova”. Ora la Chiesa di Padova dovrà rispondere, ma le prime parole sono state quelle del vescovo Claudio che ai giovani ha chiesto di stringere un’alleanza.

«Nessuno di noi ha soluzioni già chiare, ma mi riconosco nello spirito della vostra lettera – ha detto il Vescovo rivolgendosi ai giovani – Vi ringrazio tanto del vostro lavoro e del vostro impegno. Il risultato è da cercare anche al di là delle parole contenute in questa lettera, soprattutto nel processo che si è innescato e nella bella testimonianza data da voi giovani agli adulti: Grazie! Avevamo e abbiamo ancora bisogno di profumo, di sorriso e di carezze. Ho ancora una richiesta da rivolgervi: possiamo stringere un patto, un’alleanza tra me e voi? Potrebbe essere in continuità con quell’alleanza che Mosè favorì sul Monte Sinai. E vorrei osare ancora di più: stringiamo un’alleanza tutti insieme coinvolgendo anche gli adulti e tutte le nostre comunità!

Vi domando questa alleanza questa sera perché di questo parlano le letture e perché così chiedo al Signore di essere lui stesso testimone dei nostri propositi, di questa alleanza tra noi. È possibile proseguire il processo di stima, di fiducia che in questo anno si è sperimentato tra noi, soprattutto nel favorire il dialogo tra il mondo degli adulti e quello dei giovani; nella relazione tra le comunità ecclesiali e i loro giovani perché spesso non si sono capiti; è da cogliere come grande opportunità la vostra frequentazione di linguaggi nuovi, le vostre intuizioni e provocazioni ai quali introdurre la nostra comunità ecclesiale.

Il cammino di quest’anno ci ha portati a salire verso le cose del Signore, siamo saliti sulla vetta del nostro monte Sinai. È a queste altezze che il Signore si manifesta, parla, chiama. Voi avete avuto questo privilegio, cari giovani, e questa Chiesa vorrebbe imitarvi e seguirvi. Noi vorremmo seguirvi ed essere accompagnati da voi a seguire il Signore che anche a voi si è manifestato e che abbiamo visto operare accanto a voi con potenza. Aspettateci un attimo e accoglieteci sul vostro e nostro Monte Sinai. Aiutateci a capire quello che il Signore vuole da noi adulti: sarà più facile, se ci aiutiamo tra noi, seguire insieme e obbedire al Signore. Ci sono anche dimensioni della vita che voi avete ricordato, e che meritano un approfondimento maggiore, per il quale sappiamo di poter contribuire noi adulti in quanto testimoni di lunghi percorsi di ricerca nella fede. Ho la speranza che i nuovi consigli pastorali con il vostro aiuto riflettano sulla vostra lettera, non di corsa, ma con vero desiderio di continuare il discernimento che ha caratterizzato i vostri ultimi mesi. Nel mio percorso di fede ho sempre collegato l’evento della Pentecoste con l’inizio della Chiesa, con un inizio. Anche questa sera, anche questa Pentecoste, sia inizio di nuovo percorso».

 


 

ORARI ESTIVI SS. MESSE NELL’UNITA’ PASTORALE

Feriali: Cattedrale 7.30 – 11.00 – 19.00 (non il martedì); S. Andrea 8.00; S. Benedetto 18.00 (non il martedì); S. Nicolò 18.30 (non il martedì); S. Tomaso 18.30 (non il martedì); Servi 18.30 (non il martedì); S. Canziano 9.00; S. Lucia 10.00 – 18.00; S. Clemente 10.00 (non in agosto).

Festivi della vigilia: Cattedrale 16.30; S. Andrea 18.15; S. Benedetto 18.30; S. Nicolò 18.30; S. Tomaso 18.30; Servi 18.30.

Festivi: Cattedrale 9.00 – 10.30 – 12.00 – 19.00; S. Andrea 9.00 – 10.15 – 11.30 – 18.15; S. Benedetto 10.30; S. Nicolò 10.00 – 11.30; S. Tomaso 8.30 – 10.00 – 18.30; Servi 10.00 – 11.30 – 17.15; S. Canziano: 20.00; S. Clemente 11.30 (non in agosto); Collegio Mazza 11.30 (fino al 20 luglio).


 

 

Benvenuti sul sito dell’Unità Pastorale della Cattedrale!

La nascita della nuova Unità Pastorale vuole essere l’unione delle 6  parrocchie del centro storico di Padova (Cattedrale, S. Andrea, S. Benedetto, S. Nicolò, S. Tomaso, Servi) e il suo territorio : ogni mezzo mira dunque a costruire un dialogo tra noi tutti.

Il sito web è stato creato appositamente per comunicare notizie e scambiare anche materiale utile per la nostra vita e formazione umana e Cristiana.

Ma è anche un modo per mettere a disposizione materiale vario da condividere con amici, conoscenti e quanti vivono al di fuori del nostro ambiente.

Speriamo che il sito possa piacervi e se volete mandate suggerimenti per migliorare il sito, materiale utile da poter inserire e soprattutto i vostri commenti.

Buona navigazione !

 


In questo sito potrete trovare le seguenti informazioni:


Dove sono le nostre 6 parrocchie?

mappa_chiese_UPcattedrale